Legalizzazione Consolare

Cos’è la legalizzazione consolare?

La Legalizzazione Consolare è il processo di certificazione di un documento o di un atto, che ne convalida l’’autenticità , con pieno valore giuridico sul piano internazionale, attraverso le rappresentanze diplomatiche consolari del Paese straniero, le Ambasciate e/o Consolati. 

Per poter essere fatti valere in Italia, gli atti e i documenti rilasciati da autorità straniere devono essere presentati in lingua originale, legalizzati e provvisti di traduzione ufficiale in lingua italiana certificata conforme al testo straniero ed anch’essa legalizzata, a meno che non siano rilasciati da un paese con cui vigono accordi internazionali che prevedono l’esenzione dalla legalizzazione.

L’Apostille e i paesi con l’esenzione dalla legalizzazione consolare

Nei Paesi che hanno sottoscritto la Convenzione de L’Aja (Hague Apostille Convention) del 5 ottobre 1961 relativa all’abolizione della legalizzazione di atti pubblici stranieri, la necessità di legalizzare gli atti e i documenti rilasciati da autorità straniere è sostituita da un’altra formalità: l’apposizione della “postilla” (o apostille).

L’apostille (originariamente dal latino a post illa dopo quelle cose, poi passata al francese apostille) è una certificazione che convalida, con pieno valore giuridico, sul piano internazionale l’autenticità di qualsivoglia atto pubblico, e in particolare di un atto notarile.

Per i Paesi che hanno sottoscritto la Convenzione dell’’Aja del 1961, non c’’è l’obbligo della legalizzazione consolare, è sufficiente sottoporre alla legalizzazione i documenti o atti presso le Procure/Prefetture della Repubblica anziché presso le rappresentanze diplomatiche straniere.
Pertanto, una persona proveniente da un Paese che ha aderito a questa Convenzione non ha bisogno di recarsi presso la Rappresentanza consolare e chiedere la legalizzazione, ma può recarsi presso la competente autorità interna designata da ciascuno Stato – e indicata per ciascun Paese nell’atto di adesione alla Convenzione stessa (normalmente si tratta del Ministero degli Esteri) – per ottenere l’apposizione dell’apostille sul documento.
Così perfezionato, il documento viene riconosciuto in Italia.

L’elenco aggiornato dei Paesi che hanno ratificato la Convenzione de L’Aja e delle autorità competenti all’apposizione dell’apostille per ciascuno degli Stati è disponibile sul sito web della Conferenza de L’Aja di diritto internazionale privato.

Quali sono le tipologie di documenti sottoposti alla legalizzazione consolare?

Tipologie di documenti /atti per la legalizzazione:

  • fatture per l’’esportazione
  • certificati di ’origine
  • atti notarili per la costituzione di società estere
  • contrattualistica bilaterale per collaborazioni commerciali
  • copie conformi
  • altri documenti analoghi.

SOA Srl assicura i servizi di legalizzazione presso le Ambasciate di Roma e presso i Consolati di Milano attraverso personale diretto.

Contattaci per richiedere un preventivo o consulenza sui servizi consolari presso le nostre sedi a Milano e Roma.