Arabia Saudita

Legalizzazione
Consolare
Visto
Affari
Visto
Turismo
Ultima modifica alle informazioni : January 15, 2020

legalizzazioni arabia saudita

Legalizzazioni per l’Arabia Saudita

La legalizzazione consolare è una procedura necessaria per le aziende che vogliono esportare merce in Arabia Saudita. Il servizio che proponiamo consente di ottenere:

  1. Certificato di origine redatto in unico esemplare.
  2. Fattura commerciale in unico documento con il visto della camera di commercio.

Tutti i documenti, prima di essere presentati in ambasciata per la legalizzazione, devono essere vidimati dalla prefettura di competenza o dal timbro ex-upica rilasciato dalla camera di commercio di competenza.

Tempistica per ottenere la legalizzazione consolare : 5 giorni lavorativi.

Il visto affari per l’Arabia Saudita è un documento indispensabile per le persone che vogliono raggiungere questo paese del Medio Oriente in relazione a motivi commerciali. Per ottenere il rilascio del visto bisogna, in primo luogo, sostenere un colloquio presso il centro visti di Milano o Roma.

legalizzazioni arabia saudita

Lo scopo è quello di lasciare i dati biometrici, impronte digitali e fotografia del volto. Per semplificare questo passaggio possiamo fissare un appuntamento rispettando disponibilità del richiedente e del centro.

Documenti necessari per il visto affari

Per ottenere il visto affari dell’Arabia Saudita è indispensabile presentare la domanda con i seguenti documenti. Ovviamente i tempi necessari per avere il visto sono subordinati alla correttezza della consegna stessa.

  • Passaporto a lettura ottica in originale e fotocopia.
  • Copia del permesso di soggiorno con validità non inferiore ai 6 mesi (cittadini extracomunitari).
  • Documento che attesti la residenza (cittadini EU).
  • Due fotografie recenti ad alta definizione, formato passaporto, su sfondo bianco.
  • Lettera di invito dalla società saudita (non più vecchia di 3 mesi). Con due opzioni:
    • Vidimata dalla Camera di Commercio.
    • Autorizzata dal Ministero degli Affari Esteri Saudita.

Alcune precisazioni. La validità del passaporto non deve essere inferiore a sei mesi, mentre per documento che attesti la residenza possiamo consegnare certificato di residenza con validità non inferiore ai 6 mesi, carta di identità o patente. Si consiglia di fare le fotografie presso il centro visti il giorno stesso dell’appuntamento.

Richieste per profili particolari

Per alcune tipologie di richiedenti – avvocati, giornalisti, medici, cuochi, donne – e per visti di ingresso multipli con validità oltre i 90 giorni, l’invito dovrà essere autorizzato dal Ministero degli Esteri Saudita.

Aspetti specifici del passaporto

Il passaporto non deve avere restrizioni che impediscano di ritornare nel proprio paese. Inoltre deve avere almeno 2 pagine libere vicine, non deve avere altri visti validi per l’Arabia Saudita. Se ci sono visti richiesti non utilizzati l’azienda italiana, nella lettera, deve giustificarne il motivo.

Attestato di qualifica (professionale)

Ci sono alcuni aspetti da considerare anche per professioni specifiche. Ad esempio quelle che presentano titolo di:

  • Avvocato.
  • Architetto.
  • Ingegnere.
  • Medico.
  • Consulente.
  • Project manager.

possono utilizzare anche copia del certificato di laurea. Ovviamente questo documento deve essere rilasciato o legalizzato dall’autorità competente in Italia. Di solito si fa copia conforme al comune o dal notaio.

Per tutte le altre specializzazioni – esclusi sales area, export marketing, commercial manager – è necessaria la copia di un diploma o certificato di laurea relativo all’attività dell’azienda e/o alla mansione ricoperta.

Altro discorso per tecnici, meccanici, installatori e operai specializzati. In questo caso è necessaria anche la copia del diploma o di altro attestato di qualifica professionale, sempre rilasciato o legalizzato da un’autorità riconosciuta e dedicata a questo compito. Soluzione alternativa: consegnare copia della busta paga con lettera che certifichi l’esperienza del tecnico nel suo campo firmata dall’azienda e impaginata su carta intestata.

Altro documento necessario per tutti. Bisogna consegnare la lettera di richiesta visto in originale dell’azienda italiana. Questo documento deve essere compilato in inglese o arabo (non sarà accettata in Italiano) su carta intestata dell’impresa. Tutto questo deve essere indirizzato al Capo della Sezione Consolare dell’Ambasciata Saudita a Roma.

Ultimo punto: copia della licenza commerciale della società a cui si fa riferimento. Può andar bene la visura camerale o la certificazione della partiva IVA per i liberi professionisti. Questo punto è centrale, solo aziende registrate in Italia posso richiedere il visto, il consulente generico e senza posizione fiscale non può richiedere il documento.

Visita lavorativa/ Working visit visa

Per quanto riguarda il visto per lavoro in Arabia Saudita, vale dire il documento necessario per chi deve entrare in questo paese rispetto a impegni operativi, i documenti necessari sono questi:

  • Passaporto a lettura ottica in originale e in fotocopia.
  • Fotocopia del permesso di soggiorno per i cittadini extracomunitari.
  • Due fotografie recenti ad alta definizione, formato passaporto su sfondo bianco.
  • Contratto di lavoro originale firmato dalle controparti e vidimato dalla Camera di Commercio Saudita.
  • Lettera di richiesta Visto in originale, scritta in inglese o arabo.
  • Compilazione e vidimazione del modulo di certificazione sanitaria ASL.
  • Analisi mediche anti-HIV e anti-HCV in distinta originale con copia.
  • Autorizzazione ministeriale o lettera di invito dalla società saudita non più vecchia di 3 mesi.
  • Certificato penale rilasciato dal Tribunale Italiano.
  • Attestato di laurea per alcune professioni:
    • Avvocati.
    • Architetti.
    • Ingegneri.
    • Medici.
    • Consulenti.
    • Project manager.
  • Diploma tecnico o busta paga per:
    • Tecnici.
    • Meccanici.
    • Installatori.
    • Operai specializzati.

Note per lettera di richiesta Visto in originale

Questo documento non sarà accettato in in italiano. Inoltre deve essere individuale e consegnato su carta intestata della società di appartenenza indirizzata al Capo della Sezione Consolare presso l’Ambasciata Saudita a Roma (vedere modello nella sezione dei moduli scaricabili).

Approfondimento per l’autorizzazione ministeriale

L’autorizzazione ministeriale deve essere rilasciata dal Ministero degli Affari Esteri Saudita. La lettera di invito richiesta dalla società saudita, invece, deve essere vidimata dalla Camera di Commercio. Per alcune tipologie di richiedenti – avvocati, giornalisti, medici, cuochi e donne – l’autorizzazione dovrà essere necessariamente rilasciata dal Ministero degli Affari Esteri Saudita.

Note di approfondimento per il passaporto

La validità del passaporto non deve essere inferiore a sei mesi. Inoltre non deve riportare nessuna restrizione che impedisca al titolare di ritornare nel paese di provenienza. Il passaporto deve avere almeno due pagine bianche vicine e non deve avere altri visti validi per l’Arabia Saudita.

Se ci sono visti richiesti non utilizzati, l’azienda italiana nella lettera di richiesta deve giustificarne il motivo. Rispetto alle fototessere da consegnare, i consiglia di farle presso il centro visti il giorno stesso dell’appuntamento.

Certificato di laurea

Per professionisti con il titolo di avvocato, architetto, ingegnere, medico, consulente, project manager si può presentare copia del certificato di laurea, rilasciato o legalizzato dall’autorità competente in Italia.

Per tutte le altre qualifiche – esclusi sales/area/export/marketing /commercial manager – è richiesta la copia di un Diploma o Certificato di laurea inerente all’attività dell’azienda e/o alla mansione svolta.

Diploma o qualifica professionale

Bisogna consegnare copia del diploma o di altro attestato di qualifica professionale, rilasciato o legalizzato dall’autorità competente in Italia, per tecnici, meccanici, installatori e operai specializzati. In alternativa copia della busta paga accompagnata da una lettera di esperienza su carta intestata dell’azienda di appartenenza.

Licenza commerciale

Insieme agli altri documenti è necessaria copia della licenza commerciale della società di appartenenza (visura camerale o certificazione della partiva IVA per i liberi professionisti) rilasciata in Italia.

Solo aziende registrate in Italia posso richiedere il visto saudita. Tali requisiti non si applicano ai visti per le visite di ONG o organizzazioni di beneficenza. Qui serve solo la copia del permesso di visita rilasciato dal Ministero degli Affari Esteri Saudita.

Tempistica per ottenere il visto

  • Procedura normale 6 giorni lavorativi.
  • Procedura rapida 4/5 giorni lavorativi.

Guide e documenti da scaricare

Per entrare in Arabia Saudita come visitatore, è possibile chiedere il visto turistico presso il portale e-visa (https://visa.visitsaudi.com). Questo passaggio può essere effettuato prima della partenza o al momento dell’arrivo. Quali sono le caratteristiche del visto turistico in Arabia Saudita?

  • Valido per 1 anno.
  • Consente di restare in Arabia Saudita per 3 mesi.
  • Utile per soggiorni multipli per un totale di 90 giorni.
  • Bisogna avere minimo 18 anni.
  • Passaporto con validità residua di 6 mesi.
  • Nessun rimborso in caso di rifiuto del visto.
  • Sono previsti 100 SAR di extra per ogni giorno eccedente il visto.
  • La religione del richiedente non è rilevante.

Per ottenere il visto sono sufficienti massimo 30 minuti e non è richiesto biglietto di ritorno, prenotazione albergo e copia cartacea del visto. Il costo è di 440 SAR, che comprende tassa di base e assicurazione sanitaria.

Stato di interesse *

Nome *

Cognome

Azienda

Regione *

Telefono *

E-mail *

Informazioni sul visto

Data di partenza (Formato AAAA-MM-GG)

Data di ritorno (Formato AAAA-MM-GG)

Motivo del viaggio

Tipo di visto

Vi ho conosciuto da

StampaWebAltro