Risultato/i per: Commercio Internazionale

3/6/2019

Come compilare la domanda per richiedere il certificato di origine

Come si compila la domanda per la richiesta del certificato di origine? Questa domanda è fondamentale per le aziende che lavorano nel commercio internazionale. Il certificato di origine è un documento fondamentale per consentire il trasporto delle merci a norma di legge. Ecco perché chi richiede questo documento deve compilare la domanda seguendo delle procedure ben precise che ti illustreremo in questo articolo. Compilare il fonte della domanda Con questo termine, vale a dire il fonte della domanda per la richiesta del certificato di origine, intendiamo il numero di caselle che va dalla 1 alla 9. C’è da dire che dalla prima alla settima abbiamo una concordanza precisa tra le due copie, quella che rimane al richiedente e quella che invece va alla Camera di Commercio. Questo, ovviamente, per quanto […]
Continua a leggere
7/5/2019

Come fare un certificato di origine per la merce extra UE

Molte aziende ci chiedono come fare certificato di origine per merce extra UE, vale a dire prodotti non originari dell’Unione Europea. Questo passaggio è particolarmente importante perché consente all’imprenditore di acquistare merci da paesi che non appartengono all’UE ed esportarli nei mercati che preferisce. Questo snodo consente a chi fa impresa di decidere in autonomia dove acquistare e come ottimizzare il prezzo d’acquisto delle merci. La particolarità è chiara: bisogna produrre una serie di documenti per consentire alla Camera di Commercio della propria città di certificare l’origine dei prodotti. Come procedere? Ecco una breve guida per capire come creare un certificato di origine per merce extra UE adatto alle esigenze. L’importanza del certificato del paese di origine La Convenzione internazionale per la semplificazione e l’armonizzazione dei regimi doganali (convenzione di Kyoto riveduta), […]
Continua a leggere
9/4/2019

Come funziona la classificazione delle merci

La commissione europea ha pubblicato nella Gazzetta Ufficiale – L 273 del 31 ottobre 2018 – la nomenclatura combinata delle merci in vigore dal 1° gennaio 2019. Le aziende esportatrici hanno ormai imparato a confrontarsi con questo codice numerico a otto cifre che identifica i prodotti. Questo vale soprattutto per le imprese che hanno rapporti commerciali con partner degli altri Stati membri dell’UE. Quindi devono presentare periodicamente alla dogana gli elenchi Intrastat. Ma su quali basi nasce la classificazione istituita nel 1987 dall’allora Comunità Europea? Come nasce la classificazione merci In passato, uno degli ostacoli principali al commercio internazionale era la mancanza di un’identificazione univoca delle merci. Di conseguenza, nel 1983, l’Organizzazione Mondiale delle Dogane (World Customs Organization – WCO) creò l’International Convention on the Harmonized Commodity Description and Coding System. […]
Continua a leggere
2/4/2019

Agevolazioni con l’accordo commerciale Unione Europea e Giappone

Il 1 febbraio 2019 è entrato in vigore l’accordo di cooperazione economica tra UnioneEuropea e Giappone (fonte ufficiale). Per comprendere l’importanza di questo trattato, è opportuno esaminare alcuni dati economici relativi ai due paesi protagonisti. Importazioni ed esportazioni: un po’ di dati UE e Giappone producono insieme circa un quarto del PIL mondiale. Inoltre, il Giappone è il secondo partner commerciale asiatico dell’Unione Europea dopo la Cina. Nel 2017 le importazioni dell’UE dal Giappone hanno raggiunto i 68,9 miliardi (tutti i dati sono in euro). Nello stesso anno le esportazioni dell’Europa verso il il Sol Levante hanno raggiunto i 60,5 miliardi. L’Italia è in controtendenza rispetto al dato europeo, che vede un disavanzo nella bilancia dei pagamenti di oltre 8 miliardi. Infatti, nel 2017 abbiamo totalizzato 6,6 miliardi con esportazioni verso il Giappone. Questo […]
Continua a leggere
26/3/2019

Certificato di origine: la richiesta telematica sarà obbligatoria

Novità per le aziende che esportano. Il Ministero delle Sviluppo Economico e Unioncamere hanno approvato le nuove linee guida (allegate alla nota circolare n. 62321 del 18 marzo 2019) per il rilascio dei certificati di origine e dei visti per l’estero. Tra le novità c’è l’obbligo, per gli operatori inscritti al Registro Imprese, di presentare la domanda in modalità digitale dal 1 giungo 2019. Sei pronto ad affrontare questo cambiamento? Quali sono gli strumenti necessari per operare? Passaggi preliminari per la richiesta telematica Gli obblighi per rispettare le nuove regole proposte da MISE e Unioncamere sono diversi, e non sempre di facile applicazione. Per questo è utile iniziare a elencare i punti essenziali di questa procedura di richiesta telematica: Iscrizione al portale registro imprese. Attivazione del borsellino telematico. Richiesta con programma delle CCIAA. […]
Continua a leggere
19/3/2019

Come fare un certificato di origine per merci acquistate da oltre 10 anni

Una delle domande comuni: come richiedere il certificato di origine quando ho della merce acquistata da oltre 10 anni e ho l’opportunità di venderla o di riesportarla? Può capitare, soprattutto se sono un’azienda che vende impianti all’estero, di dover riutilizzare del materiale già impiegato in altri cantieri. E devo richiedere il certificato di origine perché la merce è destinata in paesi extra Unione Europea. Abbiamo l’obbligo di mantenere la documentazione (fatture, documenti di trasporto, bolle doganali e certificati di origine, etc) in archivio per almeno 10 anni. Ma cosa succede se, superata questa data, abbiamo bisogno dei documenti? E come possiamo documentare l’origine della merce da esportare? Vediamo la procedura. Documento da richiedere Per iniziare la procedura e recuperare i documenti è giusto chiarire la natura di ciò che ci serve. Vale […]
Continua a leggere
12/3/2019

Come cambierà il certificato di origine con la Brexit: possibili scenari

Venerdì 29 marzo 2019: il Regno Unito abbandonerà l’Unione Europea due anni dopo aver notificato al consiglio la propria decisione. Ad oggi, però, non si è giunti a un’intesa sulle modalità di uscita. Quest’accordo avrebbe instaurato un periodo di transizione fino alla fine del 2020, con possibilità di un’estensione temporale. Ecco perché, sul sito web ufficiale, la Commissione Europea ha pubblicato il memorandum: come prepararsi alla Brexit, guida doganale per le imprese. Questo perché dal 30 marzo 2019 il Regno Unito sarà considerato Paese terzo. Quale sarà la posizione del Regno Unito? Le aziende dell’Unione Europea che acquistano o vendono merci e servizi, o movimentano prodotti attraverso il Regno Unito, devono prepararsi all’evento. Questo perché, se non interverranno provvedimenti specifici, il 30 marzo 2019 l’UK uscirà dall’Unione Doganale con l’UE ed entrerà […]
Continua a leggere
21/11/2018

Aziende tra Italia e Nigeria: approfondimenti e documenti utili per il commercio

Il commercio con la Nigeria è un settore in costante crescita che merita il massimo dell’attenzione possibile. Soprattutto da parte di chi è interessato ad ampliare il proprio business in Africa. Una delle occasioni più importanti per affrontare questo tema arriva dall’ambasciata nigeriana a Roma, che ha organizzato un evento sul tema. Stiamo parlando del Nigeria – Italy Business & Investment Forum 2018, un appuntamento che si terrà dal 26 al 28 novembre presso l’Ergife Palace di Roma, via Aurelia 619. Perché è così importante affrontare il tema del commercio con la Nigeria durante un evento del genere? Il motivo è semplice: si tratta di un paese in crescita.   Questo dal punto di vista commerciale, ma bisogna ancora puntare i riflettori sui vantaggi reali di queste relazioni. Ad esempio […]
Continua a leggere
11/9/2018

Come ottenere un certificato di origine online: i vantaggi di SpeedyCo

Quando un’azienda decide di lavorare con l’esportazione nei paesi oltre l’Unione Europea ha bisogno di un’assistenza diversa. Ed è qui che entra in gioco la domanda che molti imprenditori si fanno: come ottenere un certificato di origine online? La risposta è importante perché questa soluzione consente di risparmiare tempo e trafile che portano via risorse a chi si occupa delle spedizioni. Chi lavora ogni giorno in questo settore sa bene che basta un errore per ritardare la spedizione, Quindi il lavoro sul certificato di origine online deve essere anche preciso e affidabile. Quindi, da dove iniziamo? E come ottenere un certificato di origine online che rispetti tutte le regole imposte dalla procedura internazionale? Scopriamolo insieme.
Continua a leggere
13/6/2018

Quando serve il certificato di origine per parti di ricambio

Cosa devo sapere per richiedere il certificato di origine per parti di ricambio di un impianto o di un macchinario esportato in precedenza? Questa è una delle domande tipiche delle aziende che si occupano di commercio internazionale. Il regolamento 2446/2015 art 35 ha innovato la normativa sull’origine delle parti di ricambio. L’interpretazione del nuovo articolo non è agevole, ma dopo una serie di approfondimenti abbiamo definito in estrema sintesi la seguente procedura. Parti di ricambio spedite con il macchinario Primo caso da prendere in esame. Se la parte di ricambio viene spedita insieme al macchinario principale prende l’origine del macchinario stesso. Non servono ulteriori documentazioni o menzioni, se non quelle previste dalla normale procedura. Da leggere: come compilare un certificato di origine Parti di ricambio essenziali alla macchina Se la parte di ricambio viene spedita […]
Continua a leggere