Argentina

Legalizzazione
Consolare
Visto
Affari
Visto
Turismo

Per esportare in Argentina è richiesto il certificato di origine vistato dal consolato territorialmente competente.

Il consolato di Milano è competente per le aziende aventi sede legale fino alla Toscana,oltre i documenti devono essere portati all’ambasciata di Roma.

Per la legalizzazione del certificato di origine è possibile presentare lo stesso,mentre per la legalizzazione della fattura è obbligatorio che questa sia accompagnata dalla dichiarazione che trovate negli allegati,su carta intestata dell’azienda.

Ricordiamo che le firme dei funzionari camerali sui documenti presentati,devono essere per esteso ed identiche allo SPECIMEN di firma depositato in consolato.

Il paese aderisce anche alla convenzione dell’Aja del 1961 quindi in sostituzione del consolato si può far apporre anche il timbro Apostille in prefettura o procura della repubblica.

Tempistica : 7 gg lavorativi

Allegati da scaricare:

dich visto fattura

SOA non può occuparsi delle richieste di visto in quanto il consolato vuole che siano i diretti interessati a seguire la pratica di persona.

 

Ricordiamo altresì che per i cittadini ITALIANI non è necessario il visto di ingresso sia per motivi di turismo che di affari se la permanenza non supera i 90gg.

 

SOA non può occuparsi delle richieste di visto in quanto il consolato vuole che siano i diretti interessati a seguire la pratica di persona.

Ricordiamo altresì che per i cittadini ITALIANI non è necessario il visto di ingresso sia per motivi di turismo che di affari se la permanenza non supera i 90gg.

Stato di interesse *

Nome *

Cognome

Azienda

Regione *

Telefono *

E-mail *

Informazioni sul visto

Data di partenza (Formato AAAA-MM-GG)

Data di ritorno (Formato AAAA-MM-GG)

Motivo del viaggio

Tipo di visto

Vi ho conosciuto da

StampaWebAltro