Sri Lanka

Legalizzazione
Consolare
Visto
Affari
Visto
Turismo
Oltre alla dichiarazione in dogana (DAU o suo equivalente), tradizionalmente richiesta per tutte le spedizioni (salvo all’interno dell’Unione europea),le spedizioni con destinazione Sri Lanka devono essere accompagnate dai documenti di seguito riportati.
a) Fattura commerciale
Stabilita in triplice copia, in inglese, deve indicare l’origine della merce con la menzione ‘Country of origin’ seguita dal nome del paese di fabbricazione, una descrizione dettagliata dei prodotti compresa se possibile la nomenclatura a 8 cifre.
b) Certificato sanitario 
E’ necessario per la carne e prodotti di origine animale (latte, uova, preparazione di carni, ecc.)
E’ consigliabile comunque avere informazioni dal proprio importatore.
c) Certificato fitosanitario 
Per la frutta, la verdura e le sementi.
d) Certificato o attestato di vendita libera per i cosmetici 
Redatto sulla base delle informazioni fornite dall’esportatore, attesta che i prodotti sono conformi al Regolamento CE 1223/2009 del 30 novembre 2009, relativo ai prodotti cosmetici ed in libera e corrente vendita in Italia così come negli altri paesi UE. Il certificato deve essere vistato dalla Camera di commercio e dal Consolato dello Sri Lanka.
Da sapere: I documenti rilasciati da un’amministrazione e direttamente collegati ad un’operazione commerciale o doganale (certificato sanitario, ad esempio) devono essere legalizzati in anticipo.
Visto d’ingresso : obbligatorio. A partire dal 1 gennaio 2012 coloro che intendano visitare lo Sri Lanka (per turismo o affari) devono preventivamente acquisire il visto di ingresso “ETA – Electronic Travel Authorization”, al costo minimo di  30 dollari americani, che dà diritto ad un ingresso nel Paese fino a 30 giorni. L’ETA può essere richiesto online, sul sito www.eta.gov.lk, oppure attraverso le agenzie di viaggio o presso l’Ambasciata dello Sri Lanka a Roma. E’ possibile ottenere l’ETA anche all’arrivo all’aeroporto di Colombo ad un costo maggiorato (35 dollari americani).
E’ possibile prorogare la durata del visto (dalla data di entrata nel Paese) presentando apposita istanza presso le Rappresentanze dello Sri Lanka presenti all’estero o personalmente presso il Dipartimento dell’Immigrazione e Emigrazione in Colombo.
Visto d’ingresso : obbligatorio. A partire dal 1 gennaio 2012 coloro che intendano visitare lo Sri Lanka (per turismo o affari) devono preventivamente acquisire il visto di ingresso “ETA – Electronic Travel Authorization”, al costo minimo di  30 dollari americani, che dà diritto ad un ingresso nel Paese fino a 30 giorni. L’ETA può essere richiesto online, sul sito www.eta.gov.lk, oppure attraverso le agenzie di viaggio o presso l’Ambasciata dello Sri Lanka a Roma. E’ possibile ottenere l’ETA anche all’arrivo all’aeroporto di Colombo ad un costo maggiorato (35 dollari americani).
E’ possibile prorogare la durata del visto (dalla data di entrata nel Paese) presentando apposita istanza presso le Rappresentanze dello Sri Lanka presenti all’estero o personalmente presso il Dipartimento dell’Immigrazione e Emigrazione in Colombo.
Stato di interesse *

Nome *

Cognome

Azienda

Regione *

Telefono *

E-mail *

Informazioni sul visto

Data di partenza (Formato AAAA-MM-GG)

Data di ritorno (Formato AAAA-MM-GG)

Motivo del viaggio

Tipo di visto

Vi ho conosciuto da

StampaWebAltro