Cina

Legalizzazione
Consolare
Visto
Affari
Visto
Turismo

Le legalizzazioni consolari per la Cina sono dei passaggi fondamentali per consentire l’ingresso delle merci nel paese e per ottenere il successivo pagamento. In sintesi, questo snodo è fondamentale per chi ha relazioni commerciali con aziende cinesi. Quali sono i passaggi da seguire?

visto ingresso cina

Come fare legalizzazione per la Cina

Per poter essere legalizzati presso i consolati cinesi, a Milano e Roma, i documenti devono essere precedentemente vidimati dalla prefettura o dalla procura di competenza in base alla sede legale dell’azienda. Quindi, se l’azienda è di Milano deve vidimare presso la procura in città.

Quali sono i documenti necessari?

I documenti per importare merce in Cina, ai sensi dell’articolo 17 del Reg. Ce 612/2009, sono la dichiarazione doganale d’importazione della R.P.C. – che riporti nel riquadro in alto a destra certificato di pagamento – e il modello unificato dello sdoganamento.

Senza dimenticare la dichiarazione doganale di importazione nella Repubblica Popolare Cinese per il pagamento dell’imposta all’importazione.

I documenti in parola possono essere presentati alternativamente, sono equivalenti. Contengono tutti gli elementi che possano far ricondurre il documento all’esportazione effettuata. E devono essere debitamente timbrati e firmati dalla locale autorità doganale. Qualche esempio:

  • Descrizione della merce compatibile con quanto dichiarato sulla dichiarazione doganale italiana.
  • Identità del mezzo di trasporto con quanto riportato sulla dichiarazione doganale di esportazione.
  • Numero colli e peso lordo/netto della merce ecc.)

Aspetti relativi alla traduzione del documento

L’ente doganale SAISA ha la facoltà di chiedere una traduzione giurata. Questo avviene nel momento in cui bisogna dare luce ad alcuni punti riscontrati nei documenti. Ad esempio ci possono essere dubbi sulle note aggiunte dalle autorità cinesi o rispetto alla descrizione dei prodotti.

Come deve essere la traduzione giurata per avere validità? In primo luogo deve presentarsi integrale e completa dei timbri aggiunti sul documento. Ovviamente questo lavoro deve essere completato da un traduttore ufficiale e riconosciuto dalle autorità giudiziarie italiane competenti in materia.

Inoltre il traduttore deve asseverare esplicitamente di aver tradotto integralmente il documento in modo fedele e puntuale. I fogli della traduzione devono essere legati con timbro di congiunzione dell’autorità competente. Poi, per completare il lavoro, devono essere legati al documento originale che viene tradotto.

I documenti devono essere originali?

No, possono essere anche consegnati in copia conforme all’originale. Questa caratteristica – la conformità all’originale – può essere attestata come suggerisce il Reg. Ce 612/2009 da:

  • Autorità doganale della Cina.
  • ICE di Pechino.
  • Consolati o ambasciate di paesi aderenti all’Unione Europea.
  • Locale autorità notarile.

Il visto affari per la Cina è un documento necessario per poter entrare in questo paese rispetto a impegni di lavoro per un tempo determinato.

Quindi rappresenta uno dei passaggi fondamentali per le aziende e i liberi professionisti che vogliono creare relazioni di lavoro con i propri partner cinesi. Come si ottiene questo documento?

Documentazione per il visto affari in Cina

Per ottenere il visto affari, ed entrare in questo paese per motivi di lavoro, è necessario consegnare all’ambasciata di Roma o ai consolati (uno si trova a Roma e un altro a Milano) i seguenti documenti:

  • Passaporto con:
    • Validità residua di almeno 6 mesi.
    • 3 pagine libere di cui 2 consecutive.
  • Impronte digitali prese presso il Visa Application Service Center.
  • 1 fototessera con sfondo bianco senza occhiali.
  • Fotocopia della prima pagina del passaporto.
  • Modello consolare compilato online.
  • Modello tutela della privacy da firmare (scaricabile dalla sezione allegati).
  • Lettera d’invito dell’azienda cinese.
  • Biglietto oppure operativo voli andata e ritorno.
  • Modello da compilare per i passaporti con rilascio dal 01/01/2015.

Come compilare il modello consolare

Il modello consolare per ottenere il visto affari in Cina deve essere compilato sul sito ufficiale della Repubblica Popolare Cinese. Le istruzioni:

  • Accedere a www.visaforchina.org e selezionare Milano-Italia.
  • Entrare nella pagina del Centro Visti di Milano.
  • Selezionare accesso rapido per la compilazione online.
  • Caricare online una foto da documenti standard, recente, sfondo bianco.
  • Completata la compilazione stampare il modulo di richiesta.
  • Firmare la prima e l’ottava pagina.

Se la foto non è caricata con successo, si prega di presentare al momento della richiesta del visto in ambasciata o consolato una foto tessera valida.

Obbligo impronte digitali per la Cina

A partire dal 4 novembre 2019, per richiedere il visto Affari/Lavoro per la Cina bisogna prendere le impronte digitali. Le impronte avranno validità per 5 anni e si dovranno depositate nuovamente in caso di cambio di passaporto o allo scadere del periodo citato. Sono esentati i minori di 14 anni e i soggetti con età superiore a 70 anni.

Ci occupiamo anche di questo passaggio per chi desidera curare con noi il visto affari, accompagnando nelle sedi dei Visa Application Service Center di Milano e Roma chi deve lasciare le impronte. Ovviamente questo è solo uno dei passaggi che poi porterà a ottenere il visto.

Permesso di soggiorno per non italiani

Per i cittadino non italiani che vogliono ottenere il visto per affari in Cina è necessario allegare permesso di soggiorno originale in visione e in fotocopia. Il tutto verrà subito restituito. Inoltre è necessario certificato di residenza non più vecchio di 6 mesi.

Quanto costa il visto affari per la Cina

Per ottenere il visto affari relativo all’ingresso in Cina bisogna valutare una serie di elementi per calcolare il prezzo. In primo luogo c’è il fattore tempo necessario per ottenere i documenti ma anche il numero di entrate. Ecco uno schema da valutare in base ai giorni necessari per ottenere il visto:

  • Normale (4 giorni lavorativi): € 127.10
  • Rapida (3 giorni lavorativi): € 172.50
  • Urgente (2 giorni lavorativi): € 184.70

Questi prezzi, per i cittadini dei paesi che aderiscono al Patto Schengen, sono invariati per tutte le entrate del visto. Che possono essere singole, doppie, multiple per 6 mesi e per 12 mesi.

Casi particolari del visto da valutare

Per risolvere facilmente tutte le combinazioni rispetto alla richiesta del visto per affari in Cina è possibile contattare gli uffici SOA. Ad esempio questo può essere utile quando:

  • Si è stati in Turchia, Pakistan e Taiwan.
  • Si richiede la procedura EXPRESS e URGENT.
  • Lettera di invito dell’azienda cinese.

Quest’ultimo punto è particolarmente delicato, la lettera deve avere alcuni requisiti specifici altrimenti si rischia il respingimento della richiesta.

Visto affari doppio ingresso o multipli

Come avviene per diversi paesi, anche per la Cina è possibile fare visto con due ingressi, vale a dire un documento che consente di entrare e uscire due volte nell’arco del periodo stabilito. In tal caso c’è bisogno di dichiarare sia le date dei viaggi prenotati con l’aereo che le stesse informazioni citate nella lettera d’invito dell’azienda cinese. Le alternative disponibili – oltre all’ingresso singolo – sono quello doppio, multiplo in 6 mesi o 12 mesi.

Tempistica per ottenere il visto cinese

Il tempo necessario per ottenere il visto per affari cinese dipende dal tipo di procedura richiesta. Ecco i termini rispettati in giorni lavorativi:

  • 4 giorni per procedura normale.
  • 3 giorni per quella rapida.
  • 2 giorni per la soluzione urgente.

Allegati da scaricare e informazioni utili

In basso ci sono tutti i modelli necessari per completare la richiesta di visto per affari in Cina. Per approfondire si può dare uno sguardo a questo articolo dedicato a come deve essere una fototessera. In ogni caso tra i documenti ci sono anche le informazioni specifiche per la Cina.

La Cina è sicuramente uno dei paesi più ambiti e visitati anche per motivi turistici. Per entrare, però, c’è bisogno del visto che ricalca il percorso di quello per affari ma ha un circuito differente. Ecco come ottenere il visto turistico per la Cina.

Documentazione necessaria per il visto

Come sempre, per ottenere il visto di accesso in Cina (anche se per motivi turistici) si devono consegnare dei documenti presso l’ambasciata di Roma o il consolato di Milano. Ecco la lista, i moduli possono essere scaricati nella specifica sezione alla fine della pagina.

  • Passaporto con:
    • validità residua di almeno 6 mesi.
    • 3 pagine libere di cui 2 consecutive.
  • 1 foto tessera con sfondo bianco senza occhiali.
  • Fotocopia della prima pagina del passaporto.
  • Modello consolare.
  • Modello tutela della privacy da firmare.
  • Prenotazione alberghiera per tutto il soggiorno.
  • Operativo voli andata e ritorno.
  • Modello da compilare per i passaporti con rilascio dal 01/01/2015.

Per cittadino straniero allegare permesso di soggiorno in originale in visione e in fotocopia (verrà subito restituito) o certificato di residenza non più vecchio di 6 mesi. Se si è stati in Turchia, Pakistan e Taiwan prego contattare gli uffici SOA.

Procedura per compilare il modello consolare

Come per il visto affari, anche quello turistico deve seguire una procedura specifica per compilare il modello consolare. La caratteristica base: si deve compilare online seguendo i passaggi qui di seguito elencati:

  1. Accedere al sito www.visaforchina.org.
  2. Selezionare Milano-Italia o Roma-Italia in base alla residenza.
  3. Entrare nella pagina Centro Visti di Milano o Roma.
  4. Selezionare “Accesso rapido” per accedere alla compilazione online.
  5. Caricare sul modulo una foto da documenti standard recente e con sfondo bianco.

Completata la compilazione bisogna stampare il modulo, firmare la prima e l’ottava pagina, e consegnare all’ambasciata o al consolato. Se la foto non è caricata con successo, si può presenta al momento della richiesta una valida.

Obbligo impronte digitali per la Cina

A partire dal 4 novembre 2019, per richiedere il visto turistico per la Cina è necessario il deposito delle impronte digitali. Questa operazione verrà gestita da SOA nelle sedi Visa Application Service Center di Milano e Roma.

Le impronte avranno validità per 5 anni. Andranno invece depositate nuovamente in caso di cambio di passaporto o allo scadere del periodo sopra citato. Sono esentati i minori di 14 anni e i soggetti con età superiore a 70 anni.

Prezzi e tempi per il visto turistico

Il costo del visto turistico per la Cina dipende dai tempi necessari per ottenerlo. Quelli elencati sono i prezzi per i paesi che fanno parte del patto Schengen, quindi non cambiano in base al tipo di ingresso: singolo, doppio, multiplo per 6 mesi o 12 mesi. Ci sono tre procedure ufficiali:

  • Normale: € 127.10 e 4 giorni lavorativi.
  • Rapida: € 172.50 e 3 giorni lavorativi.
  • Urgente: € 184.70 e 2 giorni lavorativi.

È possibile fare visti turistici per gruppi che hanno un costo di €115.10 per persona. Per visto di gruppo parliamo sempre di ingresso singolo.

Allegati da scaricare

Stato di interesse *

Nome *

Cognome

Azienda

Regione *

Telefono *

E-mail *

Informazioni sul visto

Data di partenza (Formato AAAA-MM-GG)

Data di ritorno (Formato AAAA-MM-GG)

Motivo del viaggio

Tipo di visto

Vi ho conosciuto da

StampaWebAltro