L’importazione di acciaio e alluminio è ora soggetta a nuove vigilanza

31 May , 2018 News da SOA

Secondo il Regolamento di esecuzione UE 2016/670 della Commissione del 28 aprile 2016, l’importazione di materiali siderurgici (acciaio) è soggetta a nuove vigilanza, per i materiali siderurgici, pertanto è necessario richiedere il certificato di vigilanza per l’importazione.

Nello specifico, il Regolamento si applica in riferimento ad alcuni prodotti elencati nell’allegato I del testo, il cui peso netto rientri nei 2.500 kg. Inoltre riguarda determinati paesi d’origine, elencati nell’allegato II, fatta eccezione per merci provenienti dalla Norvegia, dall’Islanda e dal Liechtenstein.

Prima solo acciaio, adesso anche alluminio

La Commissione del 25 aprile 2018 con Regolamento di esecuzione UE 2018/640 ha introdotto, per l’importazione di materiali siderurgici, una vigilanza preventiva sulle importazioni di determinati prodotti di alluminio originari di alcuni paesi terzi.

Per tali ragioni, l’immissione in libera pratica nell’Unione di tali merci è da ora subordinata alla presentazione di un documento di vigilanza rilasciato dalle autorità competenti di uno Stato membro.

Procedura per la documentazione

Le formalità previste per importatori nell’Unione sono le medesime a prescindere dal luogo di sdoganamento delle merci. La domanda per il rilascio del documento di vigilanza deve essere sottoscritta dal richiedente o dal legale rappresentante in caso di impresa. Oppure da procuratore munito di procura speciale autenticata ai sensi di legge. Ecco in sintesi cosa occorre presentare per la richiesta:

  1. Una copia del contratto di vendita o acquisto, o della fattura pro forma in originale o in copia autenticata in allegato.
  2. Un certificato di produzione (in originale o copia autenticata) nel caso in cui le merci non siano acquistate direttamente nel paese di produzione.
  3. L’indicazione della scelta (prima o seconda) della merce, oltre a quanto citato dall’art. 2 del Regolamento.
  4. Il numero di protocollo, per indicare se la documentazione presentata sia stata già utilizzata per una precedente richiesta o meno.

Ai richiedenti della documentazione si consiglia, ai fini di una più efficiente procedura di rilascio, di presentare la domanda utilizzando il modulo prestampato disponibile all’ufficio di riferimento.

Da leggere: come fare un certificato di origine telematico

Salvaguardia e dinamiche di mercato

Il Regolamento è stato adottato nell’interesse dell’Unione circa la raccolta informazioni statistiche dettagliate. Lo scopo è quello di analizzare rapidamente l’andamento delle importazioni da tutti i paesi non membri dell’UE.

È necessario, dunque, poter disporre in tempi brevi di dati relativi agli scambi commerciali per tutelare il mercato europeo dell’acciaio di fronte ai repentini cambiamenti dei mercati siderurgici mondiali e delle loro dinamiche.

Quando si applica il nuovo Regolamento?

Il regolamento entra in vigore il giorno successivo alla pubblicazione nella Gazzetta ufficiale dell’Unione europea, ovvero il 29/4/2016, e si applica a decorrere da tale giorno fino al 15 maggio 2020. Tale obbligo inizierà ad applicarsi 21 giorni lavorativi dopo l’entrata in vigore del presente regolamento.

Leggi la documentazione completa

Trovi il documento completo in formato PDF sul sito del Ministero Italiano di Sviluppo Economico: ecco il Regolamento di esecuzione UE 2016/670 della Commissione del 28 aprile 2016, lo trovi nel lettore qui in basso.

Contattaci per maggiori informazioni

L’importazione dei materiali siderurgici è un’attività che si svolge online e che possiamo curare in prima persona per conto del cliente. basta una delega per consentirci di contattare il Ministero e ottenere tutta la documentazione per importare acciaio e alluminio necessario alle tue attività. Vuoi scoprire in che modo?

NON ESITARE A CONTATTARCI: I NOSTRI OPERATORI SONO A TUA DISPOSIZIONE