Come chiedere il certificato di origine con SPID, CIE e CNS velocizzando il login

1 April , 2021 Capire la Burocrazia

Il primo passo per fare un certificato di origine: accedere a registroimprese.it per interagire con la Camera di Commercio. Fino a qualche mese fa era necessario avere username e password per questo passaggio. Dal 1 marzo 2021, su dispositivo del Decreto Semplificazione, è necessario chiedere il certificato di origine con SPID, CIE o CNS.

SPID, CIE e CNS sono strumenti che consentono di certificare la propria identità elettronica. E permettono di accedere ai servizi telematici dedicati al cittadino ma anche alle aziende. Ecco perché è così importante approfondire il tema che mette in relazione la necessità di emettere certificati di origine e l’uso dello SPID (e non solo).

Come appare adesso il login per l’utente

Come anticipato, il login per accedere a registroimprese.it presenta una serie di alternative che puoi notare anche nello screenshot in basso. Ci sono 4 soluzioni.

chiedere il certificato di origine con SPID

Il login di registroimprese.it.

Come puoi ben notare, abbiamo l’accesso con SPID ma anche attraverso CIE e CNS/Token Wireless. In più abbiamo il login con le credenziali User ID e Password.

A breve questa soluzione non sarà disponibile. Il tentativo della Pubblica Amministrazione è quello di digitalizzare e riunire sotto un’unica identità tutti i servizi. Compreso il rapporto con la Camera di Commercio per emettere i certificati.

Da leggere: come compilare un certificato di origine

Tempi e passaggi del cambio di login

Dal 1 marzo 2021 non è possibile accedere con password per le aziende che si registrano per la prima volta. Chi è già iscritto alla piattaforma, invece, ha una possibilità in più: fino al 30 settembre può ancora sfruttare il vecchio sistema basato su userID e Password. Poi sarà necessario chiedere il certificato di origine con SPID, CIE e CNS.

Cosa cambia per il certificato di origine?

Questo dettaglio relativo a SPID, CIE e CNS ha ripercussioni importanti. Ogni volta che un dipendente deve effettuare un certificato di origine on line ha la necessità di accedere con uno dei dispositivi che certificano l’identità elettronica.

SPID, CIE e CNS – come sappiamo – sono strumenti personali che identificano l’individuo che si autentica. Di solito, in un’azienda è il legale rappresentante a fornire lo SPID o uno degli strumenti citati per consentire lo svolgimento dell’attività.

Ovviamente, è facile immaginare quanto possa essere complicato affrontare il lavoro quotidiano dovendo identificarsi ogni volta – con lo SPID di una persona terza – per emettere un certificato di origine. Le fasi di lavorazione aumentano e si complicano.

Da leggere:  come firmare la richiesta di certificato di origine

Velocizza lo SPID per i certificati di origine

Grazie a SpeedyCO puoi migliorare questi passaggi e chiedere i certificati di origine in tempi rapidi. Infatti, puoi sfruttare gli automatismi della piattaforma pensati sempre per semplificare i processi, ridurre le spese, tagliare i tempi di esecuzione.

La scelta del software può essere rivolta verso soluzioni differenti. La Camera di Commercio lascia possibilità di decidere il programma, ed è per questo che abbiamo deciso di implementare una soluzione specifica per le aziende che vogliono:

  • Velocizzare il processo di lavorazione dei certificati di origine.
  • Lavorare in smart working, in qualsiasi luogo e condizione.
  • Migliorare l’efficienza e snellire i processi interni.
  • Delegare e affidare a collaboratori esterni alcune operazioni.

La domanda è: come fa SpeedyCO a velocizzare un passaggio vincolato come quello del login attraverso SPID, CIE e CNS? Grazie all’elasticità del nostro software oggi basta un solo passaggio per risolvere definitivamente questo punto. Vuoi sapere come?