Algeria

Legalizzazione
Consolare
Visto
Affari
Visto
Turismo

L’Algeria è un partner commerciale importante e gli operatori che devono sapere quali sono i documenti per operare. Soprattutto per ottenere la legalizzazione consolare per Algeria, vale a dire il documento che consente all’azienda italiana di esportare beni in questo paese.

Legalizzazione consolare per Algeria

Uno dei documenti principali che accompagna la merce è il certificato di origine rilasciato dalla Camera di Commercio per il quale non è richiesto il visto consolare. D’altro canto ci sono altri documenti da ottenere.

Attestato di libera vendita e domiciliazione bancaria

Una novità per operare con l’Algeria è la necessità di ottenere attestato di libera vendita e domiciliazione bancaria. Vale a dire un documento che attesta la libera vendita delle merci in questione sul nostro territorio nazionale e un riferimento bancario sul quale appoggiare le operazioni commerciali. Per la domiciliazione bancaria bisogna rivolgersi alla Camera di Commercio e viene richiesto dalle banche algerine.

Unioncamere Italia ha predisposto una procedura che consente alle Camere di Commercio di rilasciare un  visto specifico, su attestazione della stessa impresa. Questo documento contiene tutte le informazioni necessarie ai soggetti algerini interessati (clienti e banche).

Come predisporre la domanda: i passaggi

Per ottenere questi documenti, indispensabili alla procedura di esportazione delle merci in Algeria, è necessario seguire alcuni passaggi essenziali per la preparazione della domanda:

Inoltre sono necessarie le fatture emesse per gli stessi prodotti verso l’Europa. O in alternativa certificati di conformità, oppure copia dell’etichettatura CE, o certificati di qualità ISO, etc. Si ricorda di citare nella domanda in italiano, nella parte finale prima della firma, quali documenti  vengono allegati.

Legalizzazione consolare per Algeria

Per la legalizzazione presso il consolato di qualsiasi documento richiesto dal cliente algerino è necessaria la preventiva vidimazione dei documenti presso la camera di commercio, procura o prefettura a seconda del tipo di documento da legalizzare.

Importazione definitiva delle merci

Il documento che prova la definitiva importazione della merce in territorio algerino, ai sensi dell’articolo 17 del Reg. Ce 612/2009, è l’esemplare D 10 – Declaration Douaniere – rilasciato dalle autorità doganali algerine. Questo documento deve riportare nella casella 2 (Libelle) la dicitura:

Mise Consommation o Importation definitif.

Tale documento deve essere timbrato e firmato dall’autorità doganale locale. Inoltre deve contenere tutti gli elementi che possano far ricondurre il documento citato all’esportazione effettuata:

  • Codice doganale coincidente per le prime sei cifre oppure…
  • Descrizione della merce coincidente con la dichiarazione doganale italiana.
  • Identità del mezzo di trasporto con quello della dichiarazione doganale italiana.
  • Numero colli e peso lordo/netto della merce.
  • Etc.

Si fa presente che il SAISA può richiedere la traduzione giurata nei casi in cui ritenga di dover chiarire alcuni aspetti riscontrati nel documento. Come deve essere fatta la traduzione?

  • La traduzione deve essere integrale.
  • Si necessitano timbri apposti sul documento.
  • Deve essere fatta da traduttore ufficiale, riconosciuto da autorità giudiziarie italiane.
  • Il traduttore deve giurare al Procuratore della Repubblica di aver:
    • fedelmente tradotto.
    • Integralmente riportato il documento.
  • Il documento può essere prodotto in originale o copia conforme all’originale.
  • La conformità all’originale può essere attestata nei modi previsti dal Reg. Ce 612/2009 e segnatamente da:
    • autorità doganale algerina.
    • Autorità comunale algerina.
    • ICE, con sede in Algeria.
    • Consolati o ambasciate di paesi aderenti all’Unione Europea.

Bisogna ricordare: tutti i fogli che compongono la traduzione devono essere legati tra loro con timbro di congiunzione della autorità competente per territorio, e devono a loro volta essere legati al documento estero sottoposto a traduzione.

Il visto affari per l’Algeria è un documento necessario per entrare in questo paese, che rappresenta uno dei partner commerciali più importanti per l’Italia anche per una vicinanza geografica, ai fini di una trattativa commerciale con un’azienda o un imprenditore del posto.

Documentazione necessaria

Quali sono i documenti che l’azienda italiana deve avere per ottenere un visto affari per l’Algeria?  La lista che si trova qui è aggiornata con le ultime richieste dello stato algerino:

  • Passaporto con validità residua di almeno 6 mesi e 2 pagine libere.
  • 2 foto tessere con sfondo bianco formato standard.
  • Modello consolare in duplice copia (scaricabile nella sezione allegati).
  • Lettera di richiesta visto della società italiana.
  • Assicurazione obbligatoria.
  • Visura camerale della società italiana.

Inoltre, per completare la lista dei documenti necessari a ottenere il visto affari per l’Algeria, è necessaria la lettera di invito della società algerina con la quale è prevista la trattativa commerciale.

Specifiche richieste dell’Ambasciata di Roma

Per le richieste presso l’Ambasciata di Roma, la lettera di invito dovrà essere autenticata dalla camera di commercio Algerina di competenza. Inoltre, sempre per le procedure presso l’ambasciata capitolina, si rende necessaria la presentazione della copia del certificato di residenza sul territorio Italiano.

Quanto dura il visto affari per l’Algeria

La finestra di tempo che si può sfruttare per entrare e uscire dal paese dipende dal tipo di visto. Due sono le soluzioni principali:

  • Singolo ingresso: dai 30 ai 60 giorni.
  • Ingressi multipli: Da 90 a 180 e massimo 365 giorni.

Il visto per affari con ingresso multiplo può essere erogato in relazione all’invito espresso dall’azienda algerina e a discrezione del consolato presso il quale si fa la domanda.

Chi rilascia il visto per affari algerino

Il Consolato di Milano è competente per i residenti delle regioni del centro nord, in particolare:

  • Valle d’Aosta
  • Piemonte.
  • Liguria.
  • Veneto.
  • Lombardia.
  • Trentino Alto Adige.
  • Friuli Venezia Giulia.
  • Toscana.
  • Emilia Romagna

Per le restanti regioni del centro-sud e isole la competenza è dell’Ambasciata di Roma.

Quanto tempo ci vuole per avere il visto?

In linea di massima i tempi necessari per ottenere questo documento indispensabile per chi ha affari e rapporti professionali con le aziende algerine è di 7 giorni lavorativi.

Allegati da scaricare e informazioni utili

Il visto turistico per l’Algeria è quel documento necessario a chi vuole entrare nel paese in questione per motivi diversi da quelli professionali. Anche in questo caso è necessario seguire una procedura con compilazione e consegna di alcuni documenti.

Documentazione necessaria per il visto

Come anticipato, il visto turistico per l’Algeria necessita del rispetto di alcuni passaggi burocratici che sono in parte simili a quelli del visto turistico per affari. Ecco i punti da seguire:

  • Passaporto con validità residua di almeno 6 mesi e 2 pagine libere.
  • 2 foto tessere con sfondo bianco formato standard.
  • Modello consolare in duplice copia(scaricabile nella sezione allegati).
  • Estratto conto bancario aggiornato a pochi giorni per verificare disponibilità durante il soggiorno.
  • Prenotazione alberghiera da una struttura Algerina tramite fax o e-mail.
  • Operativo voli (biglietti aerei).
  • Assicurazione obbligatoria.

Se la richiesta del visto turistico per l’Algeria è di competenza dell’ambasciata di Roma si rende necessaria la presentazione della copia del certificato di residenza sul territorio Italiano.

Quanto dura il visto turistico per l’Algeria?

I visti per entrare in questo paese per motivi turistici hanno durate differenti in base al tipo di richiesta effettuata:

  • 30/60 giorni per singolo ingresso.
  • 30/60/90 giorni per multiplo ingresso a discrezione del consolato.

Competenza territoriale per richiesta visto

Il Consolato di Milano è competente per i residenti nelle regioni di Valle d’Aosta, Piemonte, Liguria, Lombardia, Veneto, Trentino Alto Adige, Friuli Venezia Giulia, Emilia Romagna e Toscana. Le altre regioni sono di competenza dell’Ambasciata di Roma.

I tempi per ottenere il visto per l’Algeria

Per avere il visto turistico per l’Algeria, consegnando tutti i documenti in regola, bisogna attendere 7 giorni lavorativi.

Allegati e informazioni utili

Stato di interesse *

Nome *

Cognome

Azienda

Regione *

Telefono *

E-mail *

Informazioni sul visto

Data di partenza (Formato AAAA-MM-GG)

Data di ritorno (Formato AAAA-MM-GG)

Motivo del viaggio

Tipo di visto

Vi ho conosciuto da

StampaWebAltro