Egitto

Legalizzazione
Consolare
Visto
Affari
Visto
Turismo
Ultima modifica alle informazioni : November 26, 2019

La legalizzazione consolare per l’Egitto è una documentazione necessaria per esportare merce in questo paese. Rappresenta il visto che il consolato emette sul documento relativo al certificato di origine e fattura (ma non solo). Si tratta di una convalida che rende tutti i documenti necessari validi sul territorio.
visti egitto

Quali sono i documenti necessari

Abbiamo detto che per esportare in Egitto sono necessari certificato di origine, vale a dire il documento che attesta l’origine della merce che si vuole portare in questo paese, e la fattura commerciale. Il certificato di origine deve essere redatto seguendo queste regole:

  • Deve essere in lingua inglese.
  • Scritte a penna: si devono timbrare e approvare dalla Camera di Commercio.
  • Punto 5 (osservazioni) del certificato: indica numero della fattura da vistare.

Una particolare attenzione. Per prodotti chimici è obbligatorio indicare il nome commerciale del prodotto con il nome specifico e la destinazione d’uso del prodotto. La fattura commerciale deve essere emessa così:

  • Anche questa in lingua inglese.
  • Se composta da più pagine apporre timbro aziendale di congiunzione.
  • Con timbro e firma in originale.
  • Merce è di origine UE: non è obbligatorio vistare la fattura.
  • Se è extra UE è obbligatorio vistarla.

Se l’origine della merce è mista (UE e extra UE) va specificato quale è UE o extra UE con la relativa specifica dell’origine. In questo caso è necessario vistare anche la fattura. Per prodotti chimici vale lo stesso discorso del certificato di origine: è obbligatorio indicare il nome commerciale del prodotto con il nome specifico e la destinazione d’uso.

Dove fare la legalizzazione

Per effettuare la legalizzazione consolare necessaria per l’Egitto bisogna rispettare la competenza territoriale che segue la regione di appartenenza dell’azienda interessata. Regioni di competenza del Consolato di Milano:

  • Valle d’Aosta.
  • Piemonte.
  • Lombardia.
  • Veneto.
  • Trentino Alto Adige.
  • Friuli Venezia Giulia.
  • Liguria.
  • Emilia Romagna.
  • Marche.
  • Toscana.

Le altre regioni sono di competenza dell’ambasciata di Roma.

Traduzioni giurate e legalizzazione

Sia consolato di Milano che ambasciata di Roma, in caso di traduzioni giurate richiedono obbligatoriamente il timbro della Procura. Questo non solo sulla traduzione ma anche sull’originale da cui si traduce. Se ciò non avviene i documenti verranno respinti.

Per legalizzare altri tipi di documenti – tipo Agency Agreement, Sales Contract, Test Certificate etc. – è necessaria la traduzione giurata in lingua araba o inglese. Le visure camerali in inglese possono essere legalizzate dalla Camera di Commercio con attenzione nel far apporre il timbro di congiunzione dalla stessa tra le pagine.

Timbri e documenti in copia

Tutti i certificati sanitari provenienti dalle ASL o dal Ministero della Salute – o da enti simili – vanno timbrati unicamente in Prefettura e non in Camera di Commercio.

Come esportare in Egitto? I documenti in copia conforme si accettano solo in caso non vi sia la possibilità di legalizzare l’originale.

Per la registrazione marchio provenienti dall’estero la ditta deve apporre il proprio timbro con firma sul retro della copia. La legalizzazione può essere fatta dalla Camera di Commercio. In tutti gli altri casi la copia conforme deve essere attestata da (una delle due):

  • Comune + Prefettura.
  • Notaio + Procura della Repubblica.

Tempi per ottenere la legalizzazione

Il tempo di rilascio della legalizzazione dei vari documenti per esportare merce in Egitto è di 3/4 giorni lavorativi. Ovviamente considerando la correttezza dei documenti inviati. Per semplificare le operazioni puoi rivilgerti a un servizio professionale.

Il visto affari per l’Egitto è necessario per chi deve recarsi in questo paese in base a motivi professionali. In particolar modo questa pratica è necessaria per proprietari di aziende, direttori commerciali, responsabili di vendita e tutte le figure che devono recarsi in questo paese per un periodo limitato.

Documentazione necessaria

Per ottenere il visto affari in Egitto è necessario, oltre ad avere passaporto con validità residua di almeno 6 mesi e 2 pagine libere, preparare una serie di documenti. Ecco la lista aggiornata:

  • 2 foto tessere con sfondo bianco formato standard.
  • Fotocopia della prima pagina del passaporto.
  • Modello consolare (scaricabile nella sezione allegati).
  • Lettera di invito dell’impresa ospitante.
  • Lettera di richiesta visto dell’azienda italiana (in inglese).

Nota importante per la lettera di invito dell’impresa che ospita il professionista: se si desidera un visto multiplo d’ingresso in Egitto è necessario che sull’invito sia specificato il periodo di permanenza.

Allegati da scaricare e approfondimenti:

Visto affari per cittadini stranieri

Per il cittadino straniero che risiede in Italia bisogna affrontare un passaggio in più. E allegare il permesso di soggiorno in Italia o il certificato di residenza.

Tempo necessario per visto affari

In linea di massima per ottenere questo documento sono necessari dai 2 ai 4 giorni lavorativi. Ovviamente questi tempi sono rispettati nel momento in cui vengono consegnati, al consolato di Milano o all’ambasciata di Roma, tutti i documenti compilati nel modo giusto. Per velocizzare, anche in questo caso puoi avere il supporto di SOA.

Il visto turistico per l’Egitto si può ottenere in due modi: direttamente nell’aeroporto di arrivo, compilando il modulo predefinito sull’aereo, oppure prima di partire in modo da velocizzare le operazioni. Documentazione:

  • Passaporto con validità residua di almeno 6 mesi e 2 pagine libere.
  • 2 foto tessere con sfondo bianco formato standard.
  • Fotocopia della prima pagina del passaporto.
  • Modello consolare (scaricabile nella sezione allegati).
  • Tempistica: 2/4 giorni lavorativi.

Come anticipato, per i cittadini italiani il visto turistico può essere richiesto all’aeroporto d’arrivo. Per i cittadini stranieri, dato che bisogna allegare permesso di soggiorno o certificato di residenza, può essere conveniente richiederlo prima di partire per semplificare le operazioni. Anche in questo caso possiamo lavorare al tuo fianco.

Allegati da scaricare e approfondimenti:

Stato di interesse *

Nome *

Cognome

Azienda

Regione *

Telefono *

E-mail *

Informazioni sul visto

Data di partenza (Formato AAAA-MM-GG)

Data di ritorno (Formato AAAA-MM-GG)

Motivo del viaggio

Tipo di visto

Vi ho conosciuto da

StampaWebAltro